martedì 19 marzo 2013

Queste mani grandi mi proteggeranno sempre,
e così il suo odore, e la voce apprensiva, breve.
Le sue poche parole, scelte d’istinto, sicure.
Questa terra non mi farà del male,
mentre osservo mio padre. Quell’aria severa,
persino indurita, l’immagine stanca di una vita sudata.
Il silenzio che ha intorno, rispettoso e devoto,
e l’affetto impacciato, soltanto accennato.
Le sue grandi mani mi daranno conforto,
il suo fare sereno e quel darsi un contegno,
La sua comprensione ed il timido orgoglio,
il bianco sorriso più bianco di un foglio.
Alle mani di un padre ritornerò, al suo
letto invecchiato ed al viso incavato;
a tutto l’affetto che attorno vorrà,
e le mani di un figlio a sè chiamerà.
Paolo Chessa
In questo periodo ti stai davvero dando da fare, grazie per il tuo sforzo di darmi una mano e cercare di alleggerirmi un pò il peso di questi giorni.  Anche se non puoi fare più di tanto lo apprezzo moltissimo.
Auguri papi
Auguri a tutti i papà

 
http://i258.photobucket.com/albums/hh252/cicci61/miaa.gif