lunedì 2 agosto 2010

Bologna 2 agosto 1980 ore 10.25

la stazione di Bologna è un crocevia tra nord e sud, tra le città e il mare, il mese di agosto è strapiena di passeggeri pieni di bagagli, entusiasti e  ricchi di aspettative per le agognate vacanze o ricaricati di energie per il bel  periodo appena trascorso....

Ore 10.25...un boato e tutto questo viene spazzato via in un attimo. 

Polvere. Macerie. Morte

85 vittime
oltre 200 feriti 

Circa la metà delle vittime non aveva nemmeno compiuto 30 anni.

Alle 10.25 nella sala d'aspetto di 2° Classe della Stazione di Bologna Centrale, un ordigno a tempo, contenuto in una valigia abbandonata, esplose e causò il crollo di un'ala intera della stazione investendo in pieno il treno Ancona-Chiasso in sosta al primo binario e il parcheggio dei taxi antistante.
Due giorni prima io e la mia amica Francesca eravamo ferme nella stessa stazione , sullo stesso binario, su un treno proveniente da Riccione, tra risate e tanta allegria, dopo una settimana di svago, di sole e di mare... 
Solo due giorni... e poi l'inferno...

Il manifesto realizzato per il trentennale riporta questa scritta: 
«2 agosto 1980 - 2 agosto 2010. Strage fascista alla stazione di Bologna: 85 morti e 200 feriti. Trent’anni di veleni contro le tante verità accertate, di premi per gli assassini, di mandanti senza volto, di segreti di Stato».

senza parole...

6 commenti:

Maddy ha detto...

Ciao, Minni...
...mi sconvolge, sapere che tu e Francesca l'avete scampata per un pelo. Non meno di quanto mi sconvolga ciò che successe a chi non riuscì scamparvi.
E sai qual'è la cosa che mi sconvolge ancor di più? Che un "onorevole" (qualcuno, se ha il coraggio, venga a spiegatmi COSA c'è di "onorevole" in individui del genere) abbia avuto il coraggio, per giustificare la sua assenza alla manifestazione commemorativa, di affermare"...ci fischiano sempre".
Credevo che certe boiate fossero appannaggio degli idioti...
...e forse non sbagliavo: evidentemente ormai siamo in mano ad un cumulo d'idiozia che alcuni hanno ancora l'ardire di chiamare "governo".

Un abbraccio, cara♥

♥Maddy

Rosa ha detto...

ciao Minnie, mi ricordo come fosse ieri questa tragedia, ci fa meditare per il fatto che due giorni prima eri lì', allegra e spensierata, la vita e' così purtroppo mi dispiace per tutta quella povera gente che ci e' andata di mezzo, ma queste cose non si risolveranno mai perche' non c'e' la volonta' di trovare una soluzione per fare giustizia, quindi rimarranno sempre misteri e lasceranno amarezza, ciao grazie per averla ricordata, un bacio rosa

Liza ha detto...

Hai ricordato un evento tragico che ci fa riflettere molto...il mio pensiero è rivolto a tutte quelle povere vittime che non hanno più voce.Ma il fatto di non dimenticare quell'evento è già molto importante!!!Un salutone Liza.

Francesca ha detto...

Quando accadono queste sciagure si rimane attoniti, ammutoliti e non si riesce a dare una spiegazione logica, specialmente quando a spargere sangue innocente è proprio l'essere umano, che di umano non ha proprio niente!! Grazie per aver ricordato quel giorno e quanti hanno perso la vita senza motivo.
Un bacio
Francy

gloria. ha detto...

E' un ricordo che ancora strazia i cuori, sarà xchè è avvenuto qua vicino, sarà xchè quello è un punto che io ho frequentato spesso in questi anni, sarà xchè c'erano persone che conoscevi sarà .... tutte le volte che passo davanti a quello squarcio non posso fare a meno di pensarci anche se di anni ne sono passati 30.xxx.glo

Marzia ha detto...

Ciao Minni,
mi ricordo ancora quando successe questa immane tragedia, io ero na bimba e ero al mare da un'altra parte, ma le immagini in tv mi rimasero impresse...
Poi una quindicina di anni fa tornando da Vienna, mi fermai in piena notte a Bologna ad aspettare la coincidenza con il treno che mi avrebbe portato nelle Marche... ero sola, perchè la mia amica era rimasta sul treno che portava a Roma, in stazione non c'era nessuno, allora per aspettare più comodamente, sono entrata nella sala d'aspetto, alzo lo sguardo e vedo la parte di parete dove è scoppiata la bomba con i nomi di tutte le persone che quel giorno persero la vita... ho avuto un tonfo al cuore !
Anni dopo quando mi sono trasferita a Bologna ho notato anche l'orologio, proprio quello della foto del tuo post, lo hanno lasciato fermo sull'ora della strage, altro dettaglio che ricorda quel giorno tremendo.
Il mio futuro marito è bolognese e quel giorno mi ha detto che sentì benissimo il botto anche se era in un'altra parte della città e mi raccontò che andò li, come tanti bolognesi a cercare di soccorrere i feriti, i suoi ricordi sono tremendi, quello che ricorda di più è tanta polvere e tante macerie !

Non sapevo che tu fossi passata in quella stazione qualche giorno dopo, immagino il tuo stato d'animo quando hai sentito la notizia !

Marzia

 
http://i258.photobucket.com/albums/hh252/cicci61/miaa.gif